ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

A Success Story: dal corso Helen Doron English al podio nazionale

Una storia di successo arriva proprio dalla nostra Bergamo e parla di Irene Odelli, 11 anni appena compiuti e una grande passione per la lingua inglese. Irene  è arrivata seconda classificata (tra 3000 partecipanti circa) al concorso Kangourou della Lingua Inglese a livello nazionale ed è stata premiata a Roma presso l’Ambasciata Britannica. Abbiamo intervistato per voi Irene (e mamma Barbara)..

 

Irene

Irene, che ricordo hai dei tuoi primi passi nel centro Primomodo e dei corsi con il metodo Helen Doron English?

I: Ricordo che quando ero piccolina ascoltavo sempre, sempre, il CD a casa. Ogni momento era quello giusto. A lezione invece ricordo che imparavamo un vocabolo per volta per poi poter costruire dei discorsi e che giocavamo tantissimo.

Hai percepito sin da subito che l’inglese potesse essere la tua passione?

I: All’inizio no, perché avevo altri interessi come il canto. Poi ho capito che per poter realizzare al meglio il mio sogno di diventare una cantante in America avrei dovuto conoscere alla perfezione l’inglese e quindi mi ci sono appassionata.

Quando hai capito che la tua naturale predisposizione per la lingua inglese stava crescendo sempre di più?

I: Quando ho fatto lo Starter (esame Cambridge, sostenuto nel 2015 a Primomodo ndr) e ho visto che ho ottenuto il punteggio massimo.

Quale corso Helen Doron English hai frequentato quest’anno e con quale insegnante?

I: Ho frequentato Paul Ward World con la maestra Alessandra. Mi è piaciuto soprattutto perché c’erano tantissimi scioglilingua divertenti.

 Quali sono stati il corso e l’insegnante che secondo te ti hanno aiutato di più a raggiungere questo livello?

I: Mi sono trovata bene con tutte le insegnanti HD; sono tutte bravissime e simpatiche. Il corso Play On con Annalisa mi è servito un sacco perché lei era molto brava e perché ero la più piccola del gruppo, quindi mi piaceva fare cose da grandi. Mi son trovata bene anche con Alessandra perché ha vissuto in America e conosce tantissimi vocaboli.

In merito al concorso Kangourou Italia, ti sei sentita sin da subito preparata e pronta ad affrontarlo?

I: No. All’inizio pensavo che non sarei mai passata alla semifinale. Ho iniziato davvero a crederci vedendo il risultato della semifinale.

Cos’hai provato quando hai saputo di essere arrivata seconda su 3.000 partecipanti da tutta Italia?

I: Quando l’ho saputo, guardando il risultato sul sito, ho iniziato a saltare ovunque dalla gioia. L’ho detto subito alla maestra di matematica e scienze, alla mamma e poi a tutte le mie amiche di scuola.

Sarai premiata dall’ambasciatrice britannica Jill Morris a Roma per quanto riguarda il concorso cui ha partecipato. Sarà un momento che ti resterà per sempre nel cuore, come ti senti in merito?

I: Mi sento un po’ famosa e sono molto emozionata, sia perché farò una nuova bellissima esperienza, sia perché mi regaleranno un Nintendo 3DS XL.

Quanto pensi ti sia stato d’aiuto il percorso con il metodo Helen Doron a Primomodo, per raggiungere quel risultato?

I: Tantissimo, perché c’erano tante parole che a scuola non avevo mai imparato. Le sapevo grazie ai corsi Helen Doron English.

Hai intenzione di proseguire il tuo percorso con il metodo Helen Doron?

I: Certo! Mi piacerebbe continuare fino a 19 anni.

Parlando del futuro: cosa sogni di fare da grande? Pensi che l’inglese che stai imparando possa esserti utile per gli studi o il lavoro dei tuoi sogni?

I: Vorrei fare la cantante e/o l’attrice in America. L’inglese che sto imparando mi sarà sicuramente utile sia per il lavoro dei miei sogni, che per gli studi futuri.

 

Intervista alla mamma di Irene, Barbara

Quanti anni aveva vostra figlia, quando avete deciso di iscriverla ai corsi Helen Doron English di Bergamo?

B: Abbiamo deciso di iscriverla al corso EFI (English for Infants, ndr) all’età di 3 anni, 7 anni fa.

Cosa vi ha spinto a iscriverla a un corso d’inglese così presto?

B: Il fatto che il metodo fosse giocoso e quindi adatto anche a una bambina così piccola e che potesse apprendere sin dalla tenera età i suoni di una lingua straniera.

Avete percepito sin da subito la sua passione e predisposizione per la lingua inglese? Come? Avete qualche aneddoto da raccontarci?

B: Sin dai primi tempi del percorso, ci siamo accorti della sua passione, in primis perché non c’è mai stato un giorno in cui ci abbia detto di non aver voglia di venire a lezione. Un aneddoto carino da raccontarvi è che già dai primi tempi, mentre ascoltavamo il CD in macchina, durante diversi tragitti, e cantavamo insieme, Irene ci correggeva sulla pronuncia.

Cosa vi ha spinto a scegliere, tra i tanti, il centro Primomodo e quindi il metodo Helen Doron English?

B: A dire il vero non avevamo pensato di iscrivere la bambina a un corso d’inglese così presto e ci siamo avvicinati al centro Primomodo e quindi al metodo Helen Doron English un po’ per caso. Durante un open day, abbiamo visitato il centro e ci è piaciuto sin da subito, quindi abbiamo deciso di iscriverla.

Quali sono secondo voi i punti di forza del metodo Heln Doron English?

B: Sicuramente il fatto che la bambina da sempre non abbia percepito l’attività come un impegno pesante, ma come un gioco, un divertimento. Inoltre si fa molta conversazione e, come la lingua madre, s’impara a parlare prima che a scrivere; penso sia il metodo migliore per imparare una lingua.

Avete visto sin da subito dei risultati?

B: Non proprio subito, ma non ce li aspettavamo neanche. Sappiamo che l’apprendimento dell’inglese è un percorso. I risultati sono arrivati dopo i primi anni, sempre in crescendo, fino ad arrivare a oggi.

Quando vi siete accorti che vostra figlia, pur essendo veramente piccola, iniziava a conoscere l’inglese in modo eccellente per la sua età?

B: Ce ne siamo accorti innanzitutto perché a scuola è da subito andata molto bene e soprattutto da quando ha iniziato a sostenere gli esami Cambridge (presso il centro Primomodo ndr).

Cosa può offrire secondo voi il metodo Helen Doron a integrazione delle lezioni d’inglese scolastiche?

B: Rispetto alle realtà scolastiche italiane, durante la lezione d’inglese si parla e si pratica la conversazione molto di più. A scuola non sempre c’è una “lettrice” a supporto delle lezioni regolari di grammatica, anche se Irene è fortunata perché nella sua scuola fa un’ora con la madrelingua tutte le settimane.

Cos’è il concorso Kangourou Italia, alla quale Irene ha partecipato, classificandosi seconda su 3.000 partecipanti?

B: Il Ministero dell’Istruzione italiano (MIUR) ha invitato tutte le quinte elementari italiane a partecipare a questo concorso d’inglese. La classe di Irene ha partecipato e sono passati alla selezione successiva in 8. Gli 8 partecipanti sono andati alle semifinali di Merate (Co) per gareggiare per la finale. Irene è arrivata seconda ed è passata dritta alle finali di Cervia. A Cervia alle finali a livello italiano ha confermato con grande gioia il secondo posto.

Come vi siete sentiti quando avete saputo il risultato?

B: Felicissimi! Sapevamo ci fossero buone possibilità di arrivare a ottenere un punteggio buono, ma non credevamo fino a questo punto, considerando soprattutto che tra i partecipanti c’erano molti bambini che frequentano scuole bilingue.

Non è l’unico riconoscimento di quest’anno… Irene ha conseguito a Primomodo la certificazione Cambridge Flyers, ottenendo il punteggio massimo: quanto pensate abbia influito il  metodo Helen Doron English per l’ottenimento di questi risultati?

B: Credo che abbia influito parecchio, soprattutto perché nella sua classe ci sono dei bambini che frequentano altri corsi privati d’inglese ma non hanno ottenuto questi risultati.

Irene è stata premiata premiata dall’ambasciatrice britannica Jill Morris a Roma per quanto riguarda il concorso cui ha partecipato. Questa giornata resterà impressa nel cuore di vostra figlia per tutta la vita, come vi sentite in merito?

B: Emozionati e orgogliosissimi.

Parlando del futuro: come avete intenzione di aiutare vostra figlia a proseguire con il suo percorso di apprendimento dell’inglese?

B: Alla scuola media farà inglese potenziato, al posto di introdurre un’altra lingua; preferiamo che impari una lingua in maniera ottima piuttosto che due così e così. Sicuramente continuerà il suo percorso con il metodo Helen Doron English fino ai 19 anni.

DOVE SIAMO

Primomodo Srl
Viale Giulio Cesare, 29 - BG
Trovaci su Maps